WHAT IS HUMAN TRAFFICKING, THE PALERMO PROTOCOL

human-trafficking

WHAT IS HUMAN TRAFFICKING, THE PALERMO PROTOCOL

The Palermo Protocols were adopted by the United Nations to supplement the 2000 Convention against Transnational Organized Crime. Among the three protocols there is the Protocol to Prevent, Suppress and Punish Trafficking in Persons, especially Women and Children. It was adopted by General Assembly resolution 55/25. It entered into force on 25 December 2003. It is the first global, legally binding instrument with an agreed definition on trafficking in persons.

 

Human Trafficking is defined in the Trafficking Protocol as “the recruitment, transport, transfer, harboring or receipt of a person by such means as threat or use of force or other forms of coercion, of abduction, of fraud or deception for the purpose of exploitation.”

 

The definition on trafficking consists of three core elements:

  • The action of trafficking which means the recruitment, transportation, transfer, harboring or receipt of persons
  • The means of trafficking which includes threat of or use of force, deception, coercion, abuse of power or position of vulnerability
  • The purpose of trafficking which is always exploitation. In the words of the Trafficking Protocol, article 3 “exploitation shall include, at a minimum, the exploitation of the prostitution of others or other forms of sexual exploitation, forced labor or services, slavery or practices similar to slavery, servitude or the removal of organs.

 

This definition has been agreed upon by the countries who have signed the Protocol. The intention behind this definition is to facilitate convergence in national approaches with regard to the establishment of domestic criminal offences that would support efficient international cooperation in investigating and prosecuting trafficking in persons cases. An additional objective of the Protocol is to protect and assist the victims of trafficking in persons with full respect for their human rights.

 

Trafficking in persons, or human trafficking, was re-defined by the international community in 2001 to incorporate a broader definition that recognizes it as a human rights problem involving forced labor, servitude or slavery among other issues. Trafficking also begins through recruitment, forced migration, purchase, sale or receipt of people. Following movement (whether forced or voluntary), through deception or coercion—including force, the threat of force or debt bondage—a person is then forced into an exploitative situation such as servitude, forced or bonded labor. In many cases trafficking begins when a person voluntarily decides to migrate, but ends up being trafficked. This can occur whether people move by legal or illegal means. Migrants are often forced by restrictive and complicated immigration laws to rely upon third parties to help them travel or to find jobs in other countries and this can increase the risk of trafficking. For this definition, consult the website of the Global alliance against traffic in Women GAATW.

 

 

Notes from the Anti Trafficking Working Group of UISG/USG

Short, up-to-date information on Human Trafficking. This resource is useful for information, for training, and can be used together with the Trafficking in Women and Children Information and Workshop Kit.

 

 

Posted in Uncategorized | Leave a comment

The Way of the Cross on Care of Our Common Home

The stations of the Cross in the light of Laudato Sì will be held at the Borghese Park, Roma
on Palm Sunday, March 20, 2016. The said event will be sponsored by the JPIC Commission
USG-UISG. The complete text ( in other major languages) could be downloaded from the JPIC Rome website.

Introduction.

Today we gather to participate in the Stations of the Cross, conscious of the fact that although we have much to celebrate in our lives of faith, we also have much to grieve. The commemoration of Christ’s Passion is our opportunity each year to take stock of the many ways we have broken covenant with God and have acted selfishly, seeking to secure our own power and material advantage at the expense of the well-being, not just of our fellow humans, but of the whole of creation. It is our opportunity to own that we have neglected our responsibility as stewards, lovers, and nurturers of God’s creation. Pope Francis reminds us that “when human beings fail to find their true place in this world, they misunderstand themselves and end up acting against themselves” (Cf. LS 115). While commemorating Christ’s journey to crucifixion, through Pope Francis’ reflections taken from Laudato Si, each station will acknowledge a significant breaking of our covenant with the entire family of God’s creation. Enable the trees, the plants, the rocks, the soil, the water, the birds, and the wind to teach us about these broken relationships. Each station offers prayer for the healing of the dreadful rifts in our covenant with God and all that God has made. May we find the courage and the power to become agents of healing and care of our common home.

LAUDATO SI 1

FIRST STATION: Jesus is condemned to death
WE REFLECT on OPPRESSION and ABUSE of POWER:
From Laudato Sí—We are not God. The earth was here before us and it has been given to us. This allows us to respond to the charge that Judaeo-Christian thinking, on the basis of the Genesis account which grants man “dominion” over the earth (cf. Gen 1:28), has encouraged the unbridled exploitation of nature by painting him as domineering and destructive by nature. This is not a correct interpretation of the Bible as understood by the Church. Although it is true that we Christians have at times incorrectly interpreted the Scriptures, nowadays we must forcefully reject the notion that our being created in God’s image and given dominion over the earth justifies absolute domination over other creatures (LS 67). A politics concerned with immediate results, supported by consumerist sectors of the population, is driven to produce short-term growth. In response to electoral interests, governments are reluctant to upset the public with measures which could affect the level of consumption or create risks for foreign investment. The myopia of power politics delays the inclusion of a far-sighted environmental agenda within the overall agenda of governments. Thus we forget that time is greater than space, that we are always more effective when we generate processes rather than holding on to positions of power (LS 178).

Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Flood in Chennai

Gallery | Leave a comment

PERCHE’ SCEGLIAMO LA PACE

Una stage di Parigi, la notte più buia della città, così descrivono i giornali nel mondo intero. Il giornale l’Ansa ha segnalato  che  era un attacco terroristico senza precedenti ha assediato Parigi, a meno di un anno dalla strage di Charlie Hebdo, nella notte del 13 novembre. Un commando di attentatori kamikaze ha colpito sei volte in 33 minuti, sparando all’impazzata sulla folla, in strada e nei locali, soprattutto fra giovani che stavano trascorrendo il venerdì sera fuori casa. Un attacco di terroristi senza precedenti in Francia: almeno 129 i morti e oltre 300 feriti, alcuni ancora in gravissime condizioni. Sette terroristi sono morti, sei sono riusciti ad azionare la loro cintura esplosiva e a farsi saltare come sognano i “martiri” della jihad, gridando “Allah è grande”, uno – all’interno del teatro della carneficina, il ‘Bataclan’ – non ha fatto a tempo ed è stato eliminato dalle teste di cuoio. In retaliazione, una vera e propria pioggia di fuoco è stata lanciata dalla Francia su Raqqa, la ‘capitale’ dello Stato islamico in Siria, dove sarebbero stati addestrati gli attentatori di Parigi. I raid hanno colpito “almeno 20 obiettivi” nevralgici nella città.

In molti trasmissioni televisive si discutono  che per combattere il terrorismo l’Occidente dovrebbe cambiare politica economica e militare e alcuni dicono che ora servono una legge straordinarie dove si ripropone l’istituzione di una procura antiterrorismo. Secondo un analista strategico giordano ed esperto di terrorismo Amer al Sabaileh, l’Europa ha sbagliato a concedere asilo politico a molti leader jihadisti e  adesso ne sta pagando le conseguenze. Il clima del momento che pervade  nel cuore dei popoli è la rabbia, il dolore e la paura. In questa situazione di conflitto la tendenza forte per molti è di applicare la frase biblica “occhio per occhio, dente per dente”, la cosiddetta “legge del taglione” è una delle parti più spesso utilizzate per giustificare la propria rabbia per un torto subito, per invocare sentimenti di vendetta o per motivare gli sforzi di rivalsa personale.

È possibile percorrere la strada della pace? Possiamo uscire da questa spirale di dolore e di morte? Possiamo imparare di nuovo a camminare e percorrere le vie della pace?

pace_vaticano

Sacra Scrittura

La pace, nella Scrittura, appare come dono di Dio, il Dio della Pace (Romani 15, 33; 16, 20; Filippensi 4, 9; 1Tessalonicesi 5, 23; Ebrei 13, 20), e compito dell’uomo ed è sinonimo di salvezza. La pace è concepita come risultato della fedeltà dell’essere umano al progetto di salvezza di Dio. È gratuita, generosa, benigna con i più bisognosi (Matteo 20, 1-16). È il dono offerto agli uomini dal Signore risorto ed è il frutto della vita nuova inaugurata dalla sua resurrezione. La pace, pertanto, s’identifica come “novità” immessa nella storia dalla Pasqua di Cristo. Cristo è nostra pace (Efesini 2, 14). Essa scaturisce da un profondo rinnovamento del cuore dell’uomo. È un dono da accogliere con generosità, da custodire con cura, e da far fruttificare con maturità e responsabilità. Per quanto travagliate siano le situazioni e forti le tensioni e i conflitti, nulla può resistere all’efficace rinnovamento della pace portato dal Cristo risorto. Cristo ha vinto la morte, nemica della giustizia. Cristo è la pace di tutti gli uomini. Con la morte in croce, Cristo ha riconciliato l’umanità con Dio e ha posto nel mondo le basi di una fraterna convivenza fra tutti.

I Servi Di Maria e la Pace

  1. La Tradizione Servitana

Nella tradizione agiografica dell’Ordine dei Servi di Maria san Filippo Benizi è celebrato come uomo di concordia e di pace. Alla sua attività di frate «operatore di pace» si ispirano numerosi testi della sua memoria liturgica. Nell’Ora di Terza, ad esempio, quasi poste sulle labbra di san Filippo, riudiamo le parole di san Paolo ai Corinzi: «Fratelli, Dio ha affidato a noi il ministero della riconciliazione; noi fungiamo da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio» (2 Cor 5, 18b. 20).

Ma per valutare meglio l’opera di pace di san Filippo (1233-1285), sarà utile ricordare che egli visse in un’epoca e in una città — Firenze — profondamente dilaniata da lotte fratricide, per cui nel cuore di molti cittadini, posseduti da sentimenti di rancore e di odio, di rivalità e di vendetta, non vi era spazio per il vangelo dell’amore e del perdono, della misericordia e della pace.

L’opera di concordia e di pacificazione di san Filippo emerge soprattutto in due episodi che mostrano come la «parola di riconciliazione», detta con fede e carità, produca frutti non solo di sincera conversione, ma anche di grande santità.

Il primo episodio concerne il beato Bonaventura (+ 1315 ca) e avvenne a Pistoia nel 1276. Lo narra, riportando un’antica tradizione, fra Michele Poccianti, autore di una Cronaca dell’Ordine dei Servi di Maria, scritta nel 1567. [Del racconto del Poccianti mancano puntuali riscontri documentari; abbiamo tuttavia motivi sufficienti per ritenerne veritiero il nucleo essenziale.] Nel 1276, dunque, san Filippo, mentre presiedeva a Pistoia il Capitolo generale dell’Ordine, tenne una predica alla popolazione di quella città, divisa in fazioni, ammonendola dei mali materiali e spirituali provocati dalla discordia. Le sue parole accorate ebbero tanta efficacia sull’animo dei pistoiesi che — scrive il Poccianti — «moltissimi si riconciliano nel Signore e, lasciato tutto ai poveri e abbandonata la famiglia, scelgono Filippo per padre e, sotto la sua guida, decidono di servire la Vergine in povertà. Tra questi uno dei capi della fazione ghibellina, al termine del discorso, si recò da Filippo per chiedergli umilmente di essere accolto nell’Ordine e di iniziare con l’aiuto di Dio una vita di penitenza. Il Santo accettò la richiesta di quest’uomo, fino allora di una violenza immane, e gli ordinò di domandare perdono ai nemici e di restituire il quadruplo a chi avesse defraudato. Bonaventura eseguì generosamente, con grande ammirazione di tutti, il comando evangelico ed entrò a far parte dell’Ordine».

Il secondo episodio riguarda san Pellegrino Laziosi e si iscrive nel quadro delle tumultuose vicende in cui fu coinvolta Forlì, durante il pontificato di Martino IV (1281-1285). La città, divenuta la roccaforte del ghibellinismo romagnolo, si era sottratta all’obbedienza del Papa e questi l’aveva colpita con l’interdetto, che durò dal 26 marzo 1282 al 1 settembre 1283. San Filippo, come apprendiamo dalLibro dei conti di fra Lottaringo da Firenze (+ 1305), fu a Forlì durante «il tempo della scomunica», per una visita al convento locale. Egli, un giorno in cui aveva esortato i forlivesi a ritornare sotto l’obbedienza del Papa, fu percosso e scacciato dalla città da alcuni facinorosi. Il celebre cronista dell’Ordine, fra Arcangelo Giani, nella Historia del beato Filippo Benizi, pubblicata nel 1604, scrive che tra quei «malfattori» si trovava «un nobilissimo giovane de Laziosi per nome Pellegrino». Egli, profondamente turbato dalle parole del beato Filippo e pentito del proprio atteggiamento violento e intollerante nei suoi riguardi, non solo implorò il suo perdono, ma gli chiese di poter fare penitenza, vestendo l’abito dello stesso Ordine cui Filippo apparteneva.

Tradizioni posteriori riferiscono altri episodi, in cui san Filippo operò mirabilmente la pacificazione di animi e di famiglie discordi, sì da meritare la fama di «ambasciatore di pace», secondo il vangelo di Cristo.

 

2. Appello per la pace» del 208° Capitolo generale dei frati Servi di Maria

La pace, diritto e dovere per tutti

I frati Servi di Maria, riuniti a Roma dalle varie parti del mondo per celebrare il Capitolo generale nel 750° anniversario della fondazione del loro Ordine, interpreti di tutti i membri della famiglia dei Servi, esprimono solidarietà a quanti, fratelli e sorelle del mondo intero, operano e soffrono per la Pace, e l’attendono come dono messianico:

Pace, come diritto e dovere per tutti.

Pace, quale necessità vitale per la convivenza e la sopravvivenza del genere umano, minacciato dalla distruzione nucleare, dal diffondersi maligno di guerre locali, dalla folle corsa agli armamenti sempre più micidiali e costosi.

Pace, per liberare l’umanità dall’angoscia, dalla miseria, dalla fame, dalla schiavitù, dalla violenza distruttrice.

Pace, per credere nel Regno che deve venire.

I Servi di Maria, sorti a Firenze nel 1233, anno santo della Redenzione e, per tutto il mondo cristiano, anno della Grande Pace, si ispirano, fin dalle origini, a sette Fratelli Santi, fondatori dell’Ordine: uomini che vissero uniti in un cuor solo e in un’anima sola, segno luminoso di comunione e di pace, in mezzo alle fazioni della loro città.

Fedeli a questa loro vocazione, i Servi di santa Maria — la Madre del Principe della Pace — partecipano con la preghiera e l’azione, nella tormentata storia dei nostri giorni, alle iniziative dei Romani Pontefici, delle Chiese, degli organismi internazionali, dei movimenti popolari

— per il disarmo mondiale

— perché non si costruiscano e non si vendano più armi

— perché l’umanità sia liberata dal flagello della guerra

certi di collaborare per la nascita di un mondo nuovo, dove ogni creatura ritrovi la gioia della vita.

L’Appelo di Papa Francesco

 Il Papa Francesco, Domenica 1° settembre, Angelus  in Piazza San Pietro  invoca la pace nel mondo, “Quest’oggi, cari fratelli e sorelle, vorrei farmi interprete del grido che sale da ogni parte della terra, da ogni popolo, dal cuore di ognuno, dall’unica grande famiglia che è l’umanità, con angoscia crescente: è il grido della pace! E’ il grido che dice con forza: vogliamo un mondo di pace, vogliamo essere uomini e donne di pace, vogliamo che in questa nostra società, dilaniata da divisioni e da conflitti, scoppi la pace; mai più la guerra! Mai più la guerra! La pace è un dono troppo prezioso, che deve essere promosso e tutelato.”

 Il 7 settembre, vigilia della ricorrenza della Natività di Maria, Regina della Pace in Piazza San Pietro dalle ore 19.00 alle ore 24.00, i fedeli si sono riuniti  in preghiera e in spirito di penitenza per invocare da Dio questo grande dono per l’amata Nazione siriana, in medio oriente e per tutte le situazioni di conflitto e di violenza nel mondo.

C’è tanto bisogno di fabbriche della pace, perché purtroppo le fabbriche di guerra non mancano». Lo ha affermato papa Francesco nel discorso per l’incontro con i 7.000 bambini nell’Aula Paolo VI organizzato dalla «Fabbrica della Pace». «Dove non c’è la giustizia non c’è la pace». È la frase che papa Francesco ha fatto ripetere più volte in coro ai bambini.

La fede cristiana ci spinge a guardare alla Croce ha detto il Papa e alla violenza non si è risposta con violenza. Nel silenzio della Croce tace il fragore delle armi e parla il linguaggio della riconciliazione, del perdono, del dialogo, della pace. Costruiamo un mondo di armonia e di pace, cominciando con noi stessi, nei nostri rapporti con gli altri, nelle famiglie, nelle scuole, nelle città, nelle e tra le nazioni. Anche se il mondo non crede nella strada della pace, preghiamo, per la riconciliazione e per la pace, lavoriamo per la riconciliazione e per la pace, e affinché diventiamo tutti, uomini e donne di riconciliazione e di pace.

Santa Maria

 A Maria chiediamo di aiutarci a rispondere alla violenza, al conflitto e alla guerra, con la forza del dialogo, della riconciliazione e dell’amore. Lei è madre: che Lei ci aiuti a trovare la pace; tutti noi siamo i suoi figli! Aiutaci, Maria, a superare questo difficile momento e ad impegnarci a costruire ogni giorno e in ogni ambiente un’autentica cultura dell’incontro e della pace.

 

 

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Andare nelle nostre periferie esistenziali

migrants-lesbos_3429322b

Nella sua lettera Apostolica ai Consacrati per l’Anno della Vita Consacrata il Papa Francesco ci ricorda che noi dovremmo lasciarci interpellate dal Vangelo. Non basta leggerlo, non basta meditarlo. Gesù ci chiede di attuarlo, di vivere le sue parole. Non basta essere esperti di teologia biblica o buoni operai nella vigna del Signore se non siamo capaci di mettere in pratica quello che annunciamo. Siamo invitati a rivedere il primato della Parola nella nostra vita; se essa è veramente quella guida sicura alla quale ricorriamo quotidianamente e che a poco a poco ci fa assomigliare al Maestro. L’ascolto ci deve portare a rispondere con creatività alle nuove forme di povertà da una riflessione della parola di Dio. Questo ci incoraggia a dire, e ancor di più a realizzare, ciò che suggerisce la voce dello Spirito, che geme e grida in noi e nella realtà sofferenti della nostra storia.

Il Papa Francesco ci invita fortemente ad andare in tutto il mondo dove ci attende un’umanità intera: delle persone senza speranza e cercano il senso della vita, gli abbandonati, gli ammalati e anziani, giovani disperati.

Il dramma dei Migranti

Negli ultimi mesi, i flussi migratori sono in continuo aumento in ogni parte del mondo. Oggi stiamo assistendo un fenomeno molto complesso e estensivo che influisce  sulla nostra vita e esistenza e la mette in una situazione a riflettere fino al fondo. Cos sta succedendo al nostro mondo? Perché questa fuga delle genti poveri in massa? Le notizie odierna portano sempre in prima pagina questi volti di persone impaurite, le mamme con le loro bambini, giovani con gli sguardi insicuri. Molto spesso,  loro sono vittime della violenza e della povertà, subiscono l’oltraggio dei trafficante di persone umane durante il viaggio verso una promessa di una vita migliore.

Il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite nella sua relazione afferma che 51,2 milioni di persone sono state sfollate forzatamente in tutto il mondo verso la fine del 2013 a causa di persecuzioni, conflitti,violenza generalizzata o violazioni dei diritti umani. Durante la prima metà del 2014, i conflitti continuano a provocare lo spostamento di milioni di rifugiati e sfollati interni che provocano a livello globale cambiamenti indicativi nelle tendenze enumero di rifugiati e richiedenti asili.

I migranti sono diretti verso i paesi sulle barche o sui treni sovraffollati o a piedi, alla ricerca di una vita migliore. Il mare Mediterraneo sta diventando un cimitero per i migranti in cerca di una vita migliore in Europa. Migliaia di persone sono morte negli ultimi anni durante la fuga dalla povertà, dalla violenza e dalla guerra in Medio Oriente, Africa e Asia.Uomini disperati, donne e bambini sono stati lasciati in mare o nel deserto per giorni, mentre i paesi discutono su dove dovrebbero essere accolti. Alcuni finiscono in centri di detenzione.

Molte nazioni hanno intensificato le misure di controllo delle frontiere, nel tentativo di evitare che gli immigrati e i richiedenti di asilo entrino nel loro paese. Alcune di queste misure hanno avuto come conseguenza o hanno contribuito alle gravi violazioni dei diritti umani. I migranti sono forzatamente rinviati nei loro paesi d’origine con il rischio di violazioni dei diritti umani, compresa la tortura ola detenzione arbitraria, come ben noto. Purtroppo, c’è una crescente tendenza a trattare e marcare i migranti come dei “criminali”.

L’accorato appello di papa Francesco

Il Papa Francesco nel suo messaggio per la giornata dei Migranti e Rifugiati l’anno scorso rilevava che, “è necessario un cambio di atteggiamento verso i migranti e rifugiati da parte di tutti; il passaggio da un atteggiamento di difesa e di paura, di disinteresse o di emarginazione – che, alla fine, corrisponda proprio alla “cultura dello scarto” – a un atteggiamento che abbia alla base la “cultura dell’incontro”, l’unica capace di costruire un mondo più giusto e fraterno, un mondo migliore.

L’attenzione della chiesa per i migranti non si limita a sollevare le sofferenze e i disagi con l’assistenza caritativa: attraverso l’ingresso nelle molte esclusioni dei tessuti civili, il cogliere nell’emigrante la dignità del volto che lo pone a soggetto di una libera storia e non lo ri­duce a oggetto di una prestazione di servizio, la fede vi è ospitata nella libertà della sua intenzione e dedizione, ben prima che possa concedere, a sua volta, una qual­che forma di ospitalità.  La cura pastorale della chiesa per l’ospitalità è radicata nella vera cattolicità della chiesa, che è un segno e strumento dell’unità della famiglia umana. L’emigrazione interpella le chiese locali a riscoprire il loro essere popolo di Dio che supera ogni particolarismo di razza e di nazionalità, sicché nessuno deve risultare un estraneo. «Nella Chiesa nessuno è straniero, e la Chiesa non è straniera a nessun uomo e in nessun luogo» affermerà Giovanni Paolo II.[1]il costruire l’unità della famiglia umana converge nel “promuovere i diritti di tutte le persone senza riguardo alla loro nazionalità”(GS 42). Ed esalta la chiesa nella sua universalità intesa quale convivialità delle differenze.[2] La capacità di coltivare la cultura dell’incontro è del primaria importanza per superare i pregiudizi e le paure dell’altro.

Il Papa Francesco, nell’Aula Paolo VI in Vaticano davanti ai 1500 ragazzi del Movimento eucaristico giovanile, rinnova l’invito all’accoglienza, “Respingere gli immigrati è un atto di guerra”. Ha rinnovato il suo forte appello a favore dell’accoglienza degli immigranti condannando duramente coloro che, invece, li respingono.

Il Papa ha  fatto l’esempio dei migranti Rohingya popolazione musulmana in fuga dal Myanmar nell’Oceano Indiano respinta da diversi Paesi dell’area circostante,Birmania, MalesiaThailandia e Indonesia. “Pensiamo – ha spiegato il Papa – a quei nostri fratelli Rohingya che sono stati cacciati via da un Paese, da un altro, da un altro. Vanno sul mare, quando arrivano a un porto, a una spiaggia, gli danno un po’ d’acqua, un po’ da mangiare e li cacciano via. Questo è un conflitto non risolto, questa è guerra, questo si chiama violenza, si chiama uccidere”. Il Papa Francesco, che ha scelto Lampedusa come meta del suo primo viaggio proprio per mettere al centro del suo pontificato l’accoglienza agli immigrati, recentemente ha chiesto “perdono per le persone e le istituzioni che chiudono la porta a questa gente che cerca vita, una famiglia, che cerca di essere custodita”.

Vivere il Vangelo della Misericordia

«Migranti e rifugiati ci interpellano. La risposta del Vangelo della misericordia». Questo il tema che papa Francesco ha scelto per la 102esima Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato, che si celebrerà il 17 gennaio 2016, in pieno Giubileo. Con il tema scelto, prosegue il Dicastero vaticano, si vogliono sottolinearsi due aspetti. Con la prima parte del tema,«Migranti e rifugiati ci interpellano», «si vuole fare presente – sottolinea la nota – la drammatica situazione di tanti uomini e donne, costretti ad abbandonare le proprie terre. Non si devono dimenticare, per esempio, le attuali tragedie del mare che hanno per vittime i migranti.  Con la seconda parte del tema, «La risposta del Vangelo della misericordia», «si vuole collegare in modo esplicito il fenomeno della migrazione con la risposta del mondo e, in particolare, della Chiesa. In questo contesto, il Santo Padre invita il popolo cristiano a riflettere durante il Giubileo sulle opere di misericordia corporale e spirituale, tra cui si trova quella di accogliere i forestieri.

La Chiesa dice Papa Francesco si deve affiancare tutti coloro che sforzano per difendere il diritto di ciascuno a vivere con dignità, anzitutto esercitando il diritto a non emigrare per contribuire allo sviluppo del Paese d’origine. Conferma che la vera solidarietà, la cooperazione, l’interdipendenza internazionale e l’equa distribuzione dei beni della terra sono elementi fondamentali per operare in profondità e con incisività soprattutto nelle aree di partenza dei flussi migratori,

Oggi, I  frati Servi di Maria e tutti i componenti della famiglia Servitana sono chiamati a venire incontro alle necessità reali della società in cui si svolgono la propria attività per rispondere ai segni dei tempi. Sentirsi coinvolti nelle vicende della Chiesa e del mondo. Dobbiamo scoprire le nostre periferie esistenziali e uscire da noi stessi, soprattutto, dalla zona del nostro conforto per andare ed incontrare a chi sta nelle periferie esistenziali della nostra vita quotidiana. Non possiamo prendere l’atteggiamento dell’indifferenza e rimanere in silenzio come ci ricorda il Papa Francesco, perché tali atteggiamenti aprono la strada alla complicità quando assistiamo come spettatori alle morti per soffocamento, stenti, violenze e naufragi.

 

[1] Messaggio per la giornata mondiale del migrante, 25.07.1995) Già il Vaticano II sottolineava che la solidarietà globale fluisce dalla comune fraternità in Cristo. È “una solidarietà con l’intera famiglia umana”ed è “una solidarietà necessaria” a motivo della crescente interdipendenza delle persone e della società e delle molteplici forze conflittuali che separano e dividono piuttosto che incoraggiare la cooperazione e il dialogo (GS 3;4,23-25;32).

[2]  Istruzione La carità di Cristo verso i migranti 2004 nn.16-17. Il documento del Pontificio Consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti si propone come compendio teologico e pastorale della sollecitudine della chiesa cattolica nei confronti dei problemi del fenomeno delle migrazioni umane. E traccia le linee portanti per una pastorale dell’immigrazione (nn.34-69), centrando il discorso sull’accoglienza nelle sue varie dimensioni, senza nascondersi però i problemi che possono sorgere nella vita quotidiana dalle differenze religiose.

Posted in Uncategorized | Leave a comment

“Shine a light against human trafficking”

Vatican City (Agenzia Fides) – To pray and reflect against human trafficking: this is the goal of the First International Day of prayer and awareness against human trafficking, scheduled on February 8, on the theme: “Shine a light against human trafficking”. The Day, which is celebrated on the feast of St. Josephine Bakhita, a Sudanese slave, who was freed and became a Canossian sister and canonized in the year 2000, is promoted by the International Unions of of Superiors General (UISG and USG) of female and male, and sponsored by Congregation for Institutes of Consecrated Life and Societies of apostolic Life, by the Pontifical Council for the Pastoral Care of Migrants and Itinerant People and by the Pontifical Council for Justice and Peace.

St. josephine Bakhita

The latest data published by the International Labour Organisation (ILO) in 2014 stated that in the world there are about 21 million people in the situation of human trafficking and it is estimated that between 700.000 – to 2 million people suffer human trafficking each year. As Sister Gabriella Bottani, SMC explained during the press conference, we are invited to pray and reflect in order: to see the best path to walk together; to illuminate the darkness caused by everything that exploits life for profit; to give hope to those who live the drama of trafficking, so that they can feel they are not alone; to transform mind and heart, breaking the crust of superficiality and indifference that prevents us from recognizing every person as a brother and sister; to regain the strength of a collective action; to recognize and remove the causes that support trafficking of persons in all its forms; to support our commitment to the freedom and dignity of the person; to live the mysticism and prophecy of God’s action in history.

(Agenzia Fides 04/02/2015)

> LINKS For more information: http://a-light-against-human-trafficking.info/:

I

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Diarmuid O’Murchu

cg02

Los votos como valores liminares

En cuanto que la vida religiosa pretende ofrecer la presencia de la liminaridad en nuestra cultura y en nuestro mundo, elsistema de valores subyacente se encarna fundamentalmente en los tres votos tradicionales que solemos llamar celibato, pobreza y obediencia. Incluso el lenguaje que usamos para hablar de los votos disminuye su potencial irradiador de valores. El énfasis se pone sobre todo en la renuncia, la negación, la supresión, la privación y la denuncia de la cultura ambiente. Tal y como actualmente se entienden y viven, los votos no favorecen el desarrollo de una contra-cultura sino de una anti-cultura.

Subyaciendo a la vida consagrada en todas las grandes religiones existe una polémica anti-mundo, ascética. Malinterpretamos el significado profundo de los votos porque partimos de una cosmología equivocada que algunos autores modernos como Fiand (1990 pp. 7-33) y Merkle (1992 pp. 93-100) tratan de corregir. Con el comienzo de la revolución agrícola, la humanidad comenzó la conquista del mundo; cuando ésta falló, proyectamos en el universo nuestros sentimientos negativos y de ridículo. Nos enfrentamos al cosmos como una fuerza extraña con la que comenzamos una guerra apocalíptica. Si nosotros no podíamos conquistarlo, nuestro Dios, hecho por nosotros mismos, lo haría. Y lo haría de un modo engañoso y poderoso (de ahí la polémica sobre el fin del mundo que está presente en todas las grandes religiones). Esta espiritualidad anti-mundo, con el ascetismo que la acompaña que fuerza a renunciar a todos los bienes corporales y mundanos, se convirtió en la más importante preocupación para la vida monástica/religiosa, afectando de una manera especialmente nociva el sentido y significado de los tres votos.

En ese contexto ascético los tres votos expresan la renuncia al cuerpo, la sexualidad, la procreación y el placer (celibato); los bienes materiales, el dinero y las posesiones (pobreza); la dominación, el control y la voluntad de poder (obediencia). Sosteniendo ese pensamiento ascético hay una tendencia estética más antigua en la que los valores contra-culturales aparecen de una forma mucho más clara. En ese contexto, el celibato es la invitación a poner nombre, clarificar y expresar los cambiantes temas sexuales y relaciones referentes a la intimidad humana; el grupo o la persona liminar asume y celebra las paradojas, tensiones y potencialidades que el pueblo en su conjunto conoce sólo parcialmente en su experiencia diaria. La tarea del que vive el celibato en la liminaridad no es tanto la de vivir perfectamente todos esos valores cuanto de facilitar la tarea de exploración y crecimiento que lleva hacia una auténtica personalidad y una vida abierta a la relación y llena de sentido. Sugiero, por eso, que en adelante deberíamos llamar a este voto el voto para la Relación.

La pobreza, tal y como es entendida popularmente, es el abandono de todas las cosas materiales de modo que la persona se puede dirigir a Dios libre de las ataduras terrenales. En el marco del contexto contra-cultural liminar, la pobreza (que sugiero que adelante deberíamos llamar con el nuevo nombre de voto para la Mayordomía) se convierte en una llamada a comprometerse más que a descomprometerse: a comprometerse con toda la creación, promoviendo una conciencia de estar relacionado con ella más que de conquistarla o controlarla; fomentando un uso mutuamente interdependiente de todas las cosas que han sido confiadas al cuidado humano, y estableciendo la mayordomía como la actitud básica hacia todo lo que forma la creación. En este caso y como en todos los votos, en lugar de ser una medida útil para evaluar el crecimiento espiritual del individuo el voto se abre a nuevas dimensiones ecológicas y globales.

La obediencia tiene connotaciones de servilismo y pasividad. Pretende ser una virtud que haga posible y facilite una adecuada distribución de poder en una organización jerárquicamente estructurada. En la práctica, a menudo da la impresión de que la persona que se ofrece a vivir en obediencia debe renunciar a sus propias decisiones y someterse completamente a la voluntad de otra persona, cuya inteligencia y sabiduría se igualan con las de Dios. En su más profundo significado liminar, la obediencia debería llamarse el voto para el Compañerismo, invitando al fiel a comprometerse en todo lo relacionado con el poder; a poner nombre a la opresión y al pecado del poder; a confrontar y desautorizar las estructuras y sistemas pecaminosos; a fortalecer a los que carecen de poder inculcándoles los valores que favorecen el compartir y un estilo de vida participativo en todo lo que se refiere al poder y a la toma de decisiones. La razón de ser de este tipo de proceso se centra en la convicción de que todos somos corresponsables porque todos compartimos el poder de ser co-creadores con Dios en el mundo.

Al repensar los votos de manera que nos centremos más en los valores que favorecen el compromiso que en las normas que favorecen el descompromiso, podemos comprender más claramente el papel y la función del grupo liminar (de las implicaciones pastorales y prácticas trataremos en el capítulo sexto). Un primer punto de mucha importancia es que el grupo liminar no existe para sí mismo ni para su auto-perpetuación sino por razón del pueblo. Su papel es servir y atender las necesidades de los otros. En la Iglesia Católica posterior a la Reforma la teología de la vida religiosa se centró en la búsqueda de la perfección. Se suponía que los religiosos y religiosas eran los especialistas en la santidad de tal modo que los efectos acumulativos de su santidad capacitarían a toda la Iglesia para alcanzar la perfección del cielo, entendido en la cosmología de aquel momento como algo situado fuera y más allá de este mundo. Aunque la búsqueda de la perfección se entendía como algo más amplio que la misma vida religiosa, rápidamente se convirtió en un incestuoso movimiento egoísta hacia la perfección de uno mismo y la salvación del alma individual. Esta espiritualidad introvertida y jansenista, aunque ya no promovida institucionalmente, tiene aún un seguimiento significativo entre las religiosas y religiosos de nuestros días.

La liminaridad no significa de ninguna manera una huida de la realidad humana o terrenal. Exactamente lo contrario. En su más auténtico sentido la liminaridad tiende a comprometerse con las realidades concretas a las que se está enfrentando la humanidad y el planeta en las áreas claves de relación en sus vidas especialmente en lo que se refiere al placer (relación), propiedades (mayordomía) y poder (compañerismo). En la medida en que la vocación liminar busca los últimos significados y trata de explorar y articular las aspiraciones más hondas del corazón humano, en esa misma medida es espiritual en el sentido pleno de la palabra (lo que incluye la secularidad). Puede no ser inconfundiblemente religiosa en términos de fidelidad a uno u otro sistema religioso. La liminaridad no necesita una religión formal para dar validez a su existencia ni para justificar su modus operandi. Es fundamentalmente espiritual en todos sus estilos y modos de actuar pero no necesariamente religiosa en un sentido form

Posted in Uncategorized | Leave a comment